La produzione integrata del sistema vitivinicolo trentino

Il Sistema di Produzione Integrato prevede un sistema di produzione che utilizza tutti i metodi e mezzi produttivi e di difesa per ridurre al minimo l’uso delle sostanze chimiche di sintesi e razionalizzare la fertilizzazione, nel rispetto dei principi di salvaguardia ambientale ed economica.

La finalità è di coniugare tecniche produttive compatibili con la tutela dell’ambiente e con le esigenze tecniche ed economiche dei moderni sistemi produttivi ed innalzare il livello di salvaguardia della salute degli operatori e dei consumatori.

Il Consorzio Vini del Trentino (CVT) è stato individuato come coordinatore e responsabile della produzione integrata per il settore vitivinicolo in Trentino  con la Delibera provinciale n.1675 del 2014.

Gli obiettivi che il Consorzio Vini del Trentino si è posto sono:

  • avviarsi verso l’adesione al Sistema di Qualità Nazionale di Produzione Integrata (in sigla “SQNPI”) nel 2016 ed avviare una fase transitoria, nel 2015, per il settore vitivinicolo trentino introducendo alcuni significativi obiettivi di autocontrollo;
  • Introdurre un sistema di qualità in continuità con il Protocollo d’Intesa per il settore vitivinicolo Trentino attivo dal 1991;
  • puntare nel 2016 all’ottenimento del marchio di prodotto “produzione integrata” aderendo alle indicazioni del SQNPI per il vino Trentino.

Studio Vispa nell'ambito di Trentino Green Network ha fornito la consulenza tecnica e l’elaborazione per il primo Sistema di Produzione Integrato volontario per la viticoltura in Trentino in collaborazione con i componenti della commissione protocollo.

Gli aderenti al sistema di produzione integrata sono produttori singoli o associati in cantine del settore cooperativo e privato, inoltre, anche le aziende non aderenti al Consorzio possono chiedere di aderire al sistema di produzione integrata e di essere sottoposti alle verifiche e ai controlli previsti dallo stesso.

La commissione protocollo è la Commissione tecnica in seno al CVT che ha il compito di redigere i documenti tecnici del sistema di produzione integrata e sottoporli al Cda per l’approvazione e l’aggiornamento secondo i tempi richiesti dalla Provincia Autonoma di Trento e secondo le linee guide nazionali per l’adesione al SQNPI.

 

Il marchio Sistema di Qualità Nazionale di Produzione Integrata

 

Il marchio “Sistema di Qualità Nazionale di Produzione Integrata” è istituito dal Ministero delle politiche Agricole Alimentari e Forestali con decreto ministeriale (GURI n. 174 del 29 luglio 2014). Il SQNP intende promuovere e valorizzare i prodotti agricoli e alimentari ottenuti con tecniche di produzione integrata, orientate cioè a ridurre al minimo l’uso delle sostanze chimiche di sintesi, pesticidi e fertilizzanti.

Potrà essere utilizzato a titolo gratuito da tutti gli operatori dell’Ue (produttori, confezionatori e distributori) che si impegnano a rispettare le disposizioni e gli standard previsti dal sistema di produzione integrata. Potrà diventare anche strumento di competitività, da comunicare in etichetta, nell’ambito di una strategia di marketing che intende valorizzare i prodotti agroalimentari eco-friendly.

Il sistema “SQNPI” prevede che siano attuate, attraverso specifici piani di controllo, delle verifiche (affidate agli Organismi di controllo, pubblici o privati) finalizzate a garantire il corretto utilizzo del marchio, cioè la conformità alle condizioni stabilite dal Regolamento d’uso, dalle norme tecniche e dai disciplinari che dovranno essere redatti a livello regionale.

La provincia di Trento ha deciso di perseguire un percorso virtuoso iniziando con il primo sistema volontario di gestione integrato del settore vitivinicolo trentino che porterà all’adesione al marchio SQNPI nazionale. Vi terremo aggiornati sui futuri sviluppi di questo importante impegno intrapreso dal settore vitivinicolo trentino